46 - Omeopatia


Boiron dentizione.mp4

Boiron tosse.mp4

Boiron influenza.mp4

 

 
TORNA a INFO SALUTE

Per capire che cosa è la Medicina Omeopatica bisogna riferirsi alla sua denominazione che deriva dalle parole greche "omòios" (simile) e "pathos" (malattia): in queste si ritrova il concetto curativo dell'omeopatia, secondo il quale "il simile viene curato con il simile", cioè con l'impiego di quantità minime di sostanze, i cui principi, essendo in grado di provocare effetti simili a quelli della malattia, attivano una reazione guaritrice da parte dell'organismo. Il medicinale omeopatico somministrato ad una persona sana provoca gli stessi sintomi che si vogliono curare in un individuo malato. Per curare una persona malata, quindi, è necessario trovare un rimedio che riproduca i sintomi quanto più simili in un soggetto sano.

A differenza della medicina tradizionale basata sull'approccio "allopatico", l’omeopatia ha un approccio di tipo olistico: corpo e mente sono un’unica entità, il Medico Omeopata cura i sintomi considerando la globalità del paziente (fisica e psichica) diversa da individuo a individuo, poiché personalità e costituzioni sono diverse. Il Medico Omeopata cerca di leggere i sintomi del paziente in base alla sua personalità, alla sua storia di vita, ai traumi emotivi pregressi ed al modus della sua vita di relazione del momento e del suo stato d'animo, in quanto la malattia è l’espressione di un adattamento biologico-emotivo a ciò che circonda la persona.

L'approccio olistico al paziente si fonda sulla interpretazione del sintomo. nella medicina ortodossa il sintomo è l’elemento dal quale deriva la terapia e la scelta del medicinale che possa risolvere la malattia del paziente; in Omeopatia il sintomo del paziente è visto come un segnale da interpretare per comprendere quale sia la sua funzione e non è l’obiettivo della cura. L'omeopatia non cerca di sopprimere il sintomo ma ne indaga le cause per risolverle:.la semplice soppressione del sintomo è inutile se non viene compresa la causa ad esso sottesa in quanto la malattia si ripresenterà utilizzando altri canali e “migrando” su altri organi.