32 - STAR BENE‎ > ‎

Idrosadenite


IDROSADENITE 

          Viene chiamata  anche  "ascesso  sudorale  dell'adulto", è  una  dermatite  piogenica (che  tende a produrre  secrezioni  purulente), compare  con  più  frequenza  in estate, colpisce la ghiandole sudoripare apocrine presenti  a  livello  dell'ascella, dell'areola  mammaria, dell'area  perineale  e  gluteo  perineale. E'  sostenuta  dallo Staphylococcus aureus, che si manifesta inizialmente con un nodulo sottocutaneo duro, spesso dolente, ricoperto da cute normale o eritematosa che tende a suppurare.
         Il termine più corretto è quello di acne inversa, in quanto il processo  flogistico  interessa  l'unità pilosebacea (acne), mentre  l'infiammazione  delle ghiandole  apocrine (idrosadenite) è soltanto una conseguenza. Si dunque di tratta di una forma di acne severa localizzata prevalentemente al cavo ascellare ed anche in sede  inguinale.
         Alla genesi di questa  malattia  oltre  allo  Stafilococcco  aureo  contribuiscono  anche  fattori  ormonali, un' abbondante  sudorazione, uso  improprio  di  prodotti  per ridurre la traspirazione e le conseguenze traumatiche da depilazioni maldestre. E' bene  quindi  evitare  il  contatto  diretto sulla pelle delle ascelle con prodotti deodoranti o limitarne l'uso per quanto possibile.
         Interessa  circa l' 1% della  popolazione, è  più   frequente  nelle donne, nei fumatori e nei pazienti obesi o in sovrappeso. L'ambiente caldo umido favorisce la comparsa delle recidive.
            Può esordire  in  qualsiasi  fascia di età, ma in genere tra i 20 e i 30 anni, con un'incidenza maggiore nelle donne in sovrappeso e può peggiorare durante il ciclo mestruale.

        Trattamento: 1) detersione  della  zona  colpita  con  preparazioni  antisettiche 2) eventuale ciclo di antibiotici 3) evitare una eccessiva sudorazione, utilizzando indumenti leggeri e che permettano la normale traspirazione.