32 - STAR BENE‎ > ‎

Allergia agli acari


ALLERGIA ACARI

L'allergia  agli  acari  è  una delle principali cause di disturbi dell'apparato respiratorio (riniti e asma) e dell'apparato oculare (congiuntiviti). Accanto  ai  presidi  farmacologici (cortisonici  e  antistaminici  per  via  orale  o topici) è  di fondamentale importanza la bonifica dell'ambiente in cui si vive, come qui sotto indicato. 

1) Fodere anti-acaro provviste  di  cerniera (per poter essere  periodicamente sostituite e lavate): vanno usate per ricoprire  materassi, cuscini  e  divani, in  quanto  la  maggior  parte degli acari è localizzata in materassi e cuscini (anche  in  lattice) oltre  che  nei  tappeti (che  andranno pertanto rimossi dall'ambiente domestico). Questa misura igienica  preventiva  va  applicata (nei limiti del possibile) anche nei pernottamenti in alberghi o in abitazioni diverse dalla propria. 
Lenzuola e coperte vanno periodicamente lavate a temperatura di 60° ed esposte al sole. 

2) Riduzione/Eliminazione di  tappeti, moquette, pupazzi  di  peluches, mobili  imbottiti, tendaggi: tutti  questi arredi  contribuiscono  a raccogliere polvere e dove c'è polvere ci sono gli acari, per cui vanno eliminati o, almeno, o rimossi dall'ambiente nel quale vive abitualmente la persona allergica. 

3) Deumidificazione dell'ambiente: l'umidità favorisce la riproduzione e la vita degli acari. Occorre aerare i locali ogni  giorno  ed  eventualmente  disporre  di  apparecchi  per  la  deumidificazione (funzione svolta anche da alcuni condizionatori). Gli ambienti  domestici  sono ricchi di umidità: un adulto emette con la traspirazione cutanea circa un  litro  di  acqua  al  giorno, al  quale si aggiunge la quantità derivante dalla cottura degli alimenti, quella prodotta durante la doccia e in bagno. E' opportuno  l'uso di un igrometro per garantire che in casa la percentuale di umidità non superi il 50'%. 

4) Pulizie di casa frequenti: occorre utilizzare  un aspirapolvere dotato di filtro HEPA* (acronimo dall'inglese High Efficiency  Particulate Air filter): se l'aspirapolvere  di  cui  si  dispone  non  ha  questo  tipo  di  filtro, non  conviene utilizzarlo o, se proprio necessario, bene effettuare l'operazione di pulizia degli arredi da aspirare fuori dall'abitazione. 

5) Depuratori d'aria ambiente (dotati  di  filtro  HEPA): si tratta  di  apparecchi  che  vengono fatti per alcune ore nella giornata con lo scopo di aspirare le polveri dagli ambienti domestici. 

6) Acaricidi spray o in polvere: sono  generalmente  poco  efficaci, se  utilizzati  a  dosi non tossiche. In caso di utilizzo  per  ottenere un risultato è bene effettuare l'operazione al di fuori ella abitazione e cospargere di insetticida l'oggetto  da  bonificare, quindi  lasciar  agire  il prodotto per il periodo indicato sulla confezione e successivamente battere  l'oggetto (in genere il tappeto) e procedere ad una accurata pulizia con l'aspirapolvere prima di riportarlo in casa.  

I  filtri "HEPA" sono  composti da foglietti filtranti di microfibre assemblati in più strati, separati da setti in alluminio: hanno il compito  di  bloccare le particelle solide inquinanti (o particolato): fanno parte della categoria dei cosiddetti "filtri assoluti.-


SOLFAC PLUS 
AUTOMATIC CASA 
E'  indicato nel controllo delle infestazioni ambientali da pulci e loro larve,zecche, 
scarafaggi
zanzare, tarme
ragni 
scorpioni e acari della polvere



Anti acaro elettronico

D-Mite Away Portatile
Questo piccolo dispositivo elettronico rappresenta la soluzione ideale, atossica ed ecologica, per combattere la presenza degli acari della polvere, una delle principali cause di allergia a carico dell’apparato respiratorio. »


Federe antiacaro